Il sesto senso

Così certe mattine accade di pronunciare il nome degli assenti. Per sentire di nuovo il suono che fa.

Come se quel suono potesse raggiungerli per una strana telepatia, come se quel suono potesse renderli ancora carne e sostanza, come se quel suono potesse dargli ancora il nome dell’amore.

  Μι-χά-λης.
Il sesto senso è il senso di mancanza.

Lunabionda

Annunci

Strada per un’altra città – e per un altro amore

                                                                                      A

                                                                                 Μιχάλης

Lo so

c’è una parte di me romanticissima che

vuole restare con te

però c’è un’altra parte che sa

che tutto ciò che verrà va catturato di qua

Sono via, sono qui

mi fermo solo un po’

fra un istante sarò

su di un raggio di luce che va

Cosa sono non so

ma so chi non sarò mai

Notti, guai, libertà e la strada per un’altra città

Sono via, sono qui

Mi fermo solo un po’

fra un istante sarò su di un raggio di luce che va

Dove vado non so

ma tu mi troverai

Notti, guai, libertà sulla strada per un’altra città

La malattia del passato

La malattia del passato
è una condanna che rende uguali
tutti i giorni assolati
a quelle notti violacee
in cui so chiamare ancora solo un nome
per poi ostinatamente ricompormi,
osso ad osso rotto da riassestare,
fingendo di dimenticare
che te amai e cantai sopra tutte le cose
– l’oltremisura dei miei eccessi prontamente incatenata
dal tuo disamore.
Lunabionda

(Leggi) Che io mi chiamavo Marina

Passante, fermati!
Leggi – di ranuncoli e di papaveri
colto un mazzetto –
che io mi chiamavo Marina
e quanti anni avevo.
Non credere che qui sia una tomba,
che io ti apparirò minacciando…
A me stessa troppo piaceva
ridere quando non si può!
Anch’io esistevo, passante!
Strappa uno stelo selvatico per te
e una bacca – subito dopo.
Niente è più grosso e dolce
d’una fragola di cimitero.
Solo non stare così tetro,
la testa chinata sul petto.
Con leggerezza pensami,
con leggerezza dimenticami…

 Marina Cvetaeva

Di morte lenta

Il cuore muore di morte lenta, perdendo ogni speranza come foglie, finché un giorno non ce ne sono più. Nessuna speranza, non rimane nulla.
Lei si dipinge il viso per nascondere il viso; i suoi occhi sono acqua profonda.
Non è per una geisha provare sentimenti, non è per una geisha amare. Lei è un’artista del mondo fluttuante, balla, canta, vi intrattiene, tutto quello che volete. Il resto è ombra, il resto è segreto.

da Memorie di una geisha

Nuddu m’avi (Ma tu avisti a mia)

Nuddu è di nuddu e nuddu m’avi

Ma m’impristavu a tìa
E ti facisti chiavi e cruci e mala vuci c’abbannìa
Dissiru ca l’amuri è allibbirtari
E m’insirrasti ‘a via,
Ma nuddu m’avi, nuddu m’avi,
nuddu m’avi, nuddu m’avi e nuddu mi patrunìa

Tu raggia c’annorba e ferru spinu
L’aria un si catamìa
E li to manu su deci marteddi e la taliàta ‘na malìa
Tu ca m’annagghi e annivi li pinzeri

E ora lu cielu fussi da me parti
Canciassi l’aria, canciassi li me carti
Vintiassi p’allascariti ‘i mìa
E vintiassi pi sciusciariti via
Fuju ca lu duminiu è nu chiovu finu
Spina di bramusìa

Nuddu è di nuddu e nuddu n’avi
E nuddu m’avi, nuddu m’avi, nuddu m’avi,

Ma tu avisti a mia.

 

Olivia Sellerio

Maledetto Amore

Maledetto Amore.

Senz’amore. D’accordo.
Una vita. Va bene.
Hai scelto tu per me
che non avevo scelta,
tu l’hai decisa la mia sete,
la fame che non mi uccide.

Senz’amore. D’accordo.
Una vita. Va bene.
Dovrò asciugare il bacio nella carta,
gettare le mie rose nel cestino,
andarmene a dormire sopra i chiodi,
ma sto imparando l’arte dei fachiri,
mutando la mia pelle in uno scudo
e mi vesto testuggine, calcare,
scultura nel granito,
indifferente dio
solitario su una guglia.
E sia pietra e marmo
il giorno come la notte
(il cuore, serrato nel torace)
e orgoglio sia
il non aver chiesto nulla,
averne sopportato la fatica,
nascondere il vuoto nella tasca

e tu Amore, promessa di raccolto,
tu sia maledetto,
serpente, anaconda, cobra velenoso.
Ti schiaccerò la testa
sotto al tacco,
menzogna, inganno,
cavallo che t’insinui nelle mura
per il saccheggio e la rapina,
l’incendio delle travi.

Francesco Palmieri

Ph Laura Makabresku

Lu malu amuri

Lu Malamuri
ca t’arrivota e annagghia l’ali
Alliscia li penni
e supra ‘a cuda jetta lu sali
Vampa di focu
e comu sciara ti nni cali

Ciatu, sangu di lu me sangu
E stidda, lacrima di lumía
Iu cu lu cori di fangu

Lu malu amuri,
c’ un ti nni fuj, ‘un ti nni scappi,
Arrappa lu cori, antrica li veni,
e passía ‘ntra li rappi
Travía lu senzu,
e l’innucenza, cu n’appi n’appi

Onna allipussa,
scuma c’attigghia ‘a raggia du mari
C’annaca, pigghia,
affunna, isa, lassa affucari
Scuta la brogna
ca la vriogna la fa ammucciari

E iu ‘mpronta di la tua
Tu bistemia d’amuri
E jocu tintu ca disvía
Tu vinnitta d’amuri

E tu, tu ca vulisti a mía
‘Nta ‘na vanedda morta,
E iu ca t’haju vulutu a tía,
Cu la me arma torta.

Olivia Sellerio

Bureau (Conosco i tipi come te)

“La ragazza cadde in tuo potere, ma non ebbe a
gloriarsene
a quanto ne so io” grandina sul mio volto
la sua voce piagnucolosa e assente
non senza forza di nuocere, animando
d’un ghigno o d’un sorriso quella maschera assai peggio
del pianto.
“Oh non andò come tu credi” rispondo
e frattanto rivedo il dove e il quando
e in un preciso angolo il suo aspetto già allora di tarma.
“Conosco i tipi come te. Sacrificano
se stessi e il loro prossimo, accecati da una presunzione di arte.
Nemmeno ti passa per la mente quel che si perde, alle volte.”
Mario Luzi

E’ questo il giorno

A M, per Sempre.

Un giorno ti scriverò una poesia

per dire la verità che ignorano i poeti

nel loro mondo sommerso

nei loro ideali del cazzo

nel loro ricamare sul nulla.

Ti scriverò per dire che

tu sei Delusione

che tu sei Mediocrità

che tu sei Inganno

che nella tua storia si compie il fallimento dell’uomo e dell’attore

per dirti che sei teatro di pessimo gusto

per dirti che ci vuol coraggio per sfasciare la grazia a una ragazza

e trasformarla in vetro da cui guardarla attraverso

affondare nelle trincee fangose d’amore e di follia

 – prendi una donna trattala male

dille che è molesta, inventati qualcosa,

ti basta poco, un pubblico plaudente e un moncherino d’anima –

e tu quel coraggio ce l’hai.

Un giorno ti scriverò una poesia che dica la verità su me e su te,

ed è questo, il giorno.

Lunabionda