Amore

“L’amore è paziente, 
è benigno l’amore;  non si vanta, non si insuperbisce, 
non tiene conto del male ricevuto, non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità. 
Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. 
L’amore non avrà mai fine.” Paolo di Tarso

 

Amore è scoprire le tue debolezze

e trovarle squisite appena mi sorridi,

e in quella luce dimenticare tutto.

Di quando sei brusco

di quando sei ruvido

di quando sei odioso

di quando sei vile

di quando sei folle

di quando vivi per Lei e niente mai per me farai

di quando sei noia, Narciso,

di quando sei dyskolos, come amavi dire,

di quando non scrivi una sillaba se non grazie, stammi bene

(ho altro da fare, la mia arte mi aspetta e tu non sei nulla)

di quando sei carne che accieca di bellezza

di quando sei brutto nel tuo cieco egoismo

di quando sei luna

di quando sei sole

di quando sei tenero

di quando sei atroce

di quando ti vesti in nero come si addice all’abito di scena

 – ti dona il nero, s’intona a occhi di fuoco –

di quando ti piace l’arancio dell’accappatoio

di quando mi stringi la testa fra le mani mentre piango e dici

Ale, non fare così,

senza capire mai quanto dolore c’è dietro quel pianto,

senza capire mai quanto amore trema dietro i miei deliri,

di quando mi dici dai, stiamo un po’ così,

e nei tuoi occhi belli

mentre stiamo nudi sdraiati in quell’ultima ora

finalmente io ti rivedo.

Sei sempre Tu, mi guardi come mi guardasti allora,

prima che cantasse il gallo e te ne andassi via,

nudo di onore e di grazia,

lontano da qui, lontano da me,

in stanze chiuse a chiave per l’amore

ma sempre aperte a tutti gli uragani.

Ora sono vuote, le mie mani.

Lunabionda

 

 

Annunci

Quel che rimane

La mia testa avvolta nel caldo

del tuo fianco

come una bimba sperduta,

perchè non si perdesse non un’ombra

del tuo fiato divino,

mortifero

come il marchio dei denti,

e non un sussurro tenuto stretto fra le labbra:

Anche così sarei impazzito di tenerezza alla sola vista del tuo caro viso esangue,

Lolita mia.

E’ buia la notte che passa senza tutta quella pelle tra le dita,

un fiato in cui infilarcisi dentro.

 

Lunabionda

Dicitencello vuje

Dicitencello vuje
Ch’aggio perduto ‘o suonno
E ‘a fantasia
Ch’ ‘a penzo sempe,
Ca nun mm’ ‘a scordo maje
E’ na passione
Cchiù forte ‘e na catena,
Ca me turmenta ll’anema
E nun me fa campá
I giá vulesse sèntere
Ch’è ‘nnammurata ‘e me
‘A voglio bene
‘A voglio bene assaje
Dicitencello vuje
Ca nun mm’ ‘a scordo maje
E’ na passione
Cchiù forte ‘e na catena,
Ca me turmenta ll’anema
E nun me fa campá
Te voglio bene
Te voglio bene assaje
Si’ tu chesta catena
Ca nun se spezza maje
Suonno gentile,
Suspiro mio carnale,
Te cerco comm ‘a ll’aria,
Te voglio pe’ campá

Schiava e regina

Eppur t’ho amato sempre.

Quando il tuo corpo nudo aspetta un cenno,

perchè è poco il tempo e la carne consuma.

Quando ti chiudi crudele nel tuo mondo escluso a tutti

e soprattutto, a me.

Quando l’egoismo mi spezza la tenerezza

lacrima a lacrima.

Quando l’abisso dei tuoi occhi mi trascina a guardarti.

Quando le curve della tua voce si sciolgono

fra le mie dita devote.

Quando sei dolce, quando sei spigolo,

quando sei folle, quando sei avaro,

quando sei tu.

Quando eri bello nella tua animalità mite e selvaggia,

mentre toccavo la riva del tuo dannato eden

e m’entravi dentro come un pugno,

facendomi schiava e regina

inginocchiata innanzi a te

come una santa in attesa del martirio,

eri bellissimo.

Lunabionda

Pornografia

Secondo Facebook il dolore è pornografico, nella sua fotografica nudità di donna.

Quindi lo posto volentieri qui, nel mio “sottobosco segreto”. Dove nessuno giudica e blocca, ma sa ascoltare.

Il dolore è un topo –
sceglie l’intercapedine nel petto
per timido nido  –
ed elude la caccia –

Il dolore è un ladro – rapido nel trasalire –
tende l’orecchio – per cogliere un suono
di quel vasto buio –
che ha trascinato la sua vita – indietro –

Il dolore è un giocoliere – ardito nell’esibirsi –
perché se  esita  – l’occhio per di lì
non colga  i suoi lividi – siano uno o tre –
Il dolore è un buongustaio – moderato nel lusso –

Il dolore migliore non ha lingua  –
prima che parli – bruciatelo in piazza –
le sue ceneri – lo faranno
forse – se rifiutano – come sapere  –
ormai nemmeno la tortura ne caverebbe una sillaba.

La mia Emily Dickinson

Silenziu d’amuri, ca camini intr’a li vini

Silenziu d’amuri ca camini intr’a li vini
Nun è pussibili staccarimi di tia.

Silenziu d’amuri ca camini intr’a li vini
Nun è pussibili staccarimi di tia.

Nun chiangiti, no, albiri d’olivi,
Amuri e beni vengunu di luntanu,
Dilizia amata mia, sciatu di l’alma mia,
Dammi lu cori ca ti dugnu la vita.

Vacanti senza culuri tengu lu senzu
Quanno na mamma si scorda a so’ figghiu,
Tannu mi scordu d’amari a tia
Ti vogghiu beni…

 

Worn out

Thy strong arms are around me, love

My head is on thy breast;

Low words of comfort come from thee

Yet my soul has no rest.

For I am but a starled thing

Nor can I ever be

Aught save a bird whose broken wing

Must fly away from thee.

I cannot give to thee the love

I gave so long ago,

The love that turned and struck me down

Amid the blinding snow.

I can but give a failing heart

And weary eyes of pain,

A fadel mouth that cannot smile

And may not laugh again.

Yet keep thine arms around me, love,

Until I fall to sleep;

Then leave me, saying no goodbye

Lest I make wake, and weep.

 

Le tue forti braccia mi stringono, amore

la mia testa è sul tuo petto;

lievi parole di conforto vengono da te

la mia anima ancora non trova pace.

Poiché non sono che una creatura atterrita

Né altro mai sarò

Salva un uccello, la cui ala spezzata

Deve volare lontano da te.

Non posso darti l’amore

Che ti davo molto tempo fa,

L’amore che si volse e che mi uccise

Tra la neve accecante.

Non posso che donarti un cuore fragile

E occhi afflitti dal dolore

Labbra avvizzite che non sanno sorridere

E non possono più ridere.

Tieni ancora le tue braccia attorno a me, amore,

fino a quando mi addormenterò;

poi abbandonami senza salutarmi,

perchè io non mi svegli e pianga.

Elizabeth Siddal  (Musa dei Preraffaelliti)

Donne che amano i lupi

Vede signora,

è che un uomo ha in bocca la fame dei lupi:

ha sempre bisogno di mordere,

di succhiare il sapore selvatico.

Il mio sperma impazziva nei lombi.

Non cercavo un’amante, lo giuro.

Fu lei a trovarmi

seguendo un’orbita errata di stelle,

nuotando e nuotando contro corrente.

Allargava i suoi occhi nel buio,

fiutava il mio odore col ventre.

La chiamai dalla riva.

Era un luccio gigante,

una cornucopia che splendeva

nella marea del mattino.

Guizzò nell’aria:

aveva un feto nell’iride dell’occhio,

si dibatteva con furia

contro l’uncino del mio sesso.

Non ero che un baco senza pupille.

Lei mi chiuse le palpebre,

mi avvolse con un filo di bava

nel suo bozzolo d’oro.

E a casa la sua bambina bella

cadeva fra i narcisi.

Si rompeva in mille pezzi,

pura e dolorosa come un grido.

Un crack fra le mie mani, così.

La vita le usciva da un fianco,

il sangue tornava alla terra.

Io non c’entro, lo giuro.

Fece tutto da sola.

Daniela Raimondi

Ferrara

Ferrara è un’esplosione d’afa

insieme al cuore che mi scoppia accanto a te,

il sudore che cola goccia a goccia sulla pelle

mentre mi insegni la via della carne,

quella del film di Ferreri.

Volerti, volermi mangiare a denti crudi

e nella mente scorre un bolero triste

ay que te quiero!

Ferrara è una veneziana rotta dal vento,

la tempesta d’anima e di sensi

che mi fa piangere sul cesso

come una madonna crepata dal pianto,

è l’elemosina del tuo disamore

che si riflette nella livida alba dei piccioni.

Ferrara è una storia di ordinaria follia,

e di non ordinario cinismo: il tuo.

Così per non morire scrivo una poesia,

perchè una poetessa morta, dicono,

non potrebbe più scrivere poesie.

Nella mente ritorna una canzone,

ay que te quiero!

Infinita è la via della carne e del dolore,

ma solo la carne, infine, è tutto quel che resta del giorno.

.

Lunabionda