Canzona appassiunata

E MME STO’ ZITTA, SI…
N’albero piccerillo aggiu piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore
Na ventecata giá mme ll’ha spezzato
e tutt”e ffronne cágnano culore
Cadute só’ giá ‘e frutte: e tutte quante,
erano doce, e se só’ fatte amare
Ma ‘o core dice: “Oje giuvinotto amante,
‘e ccose amare, tiénele cchiù care”
E amara comme si’, te voglio bene!
Te voglio bene e tu mme faje murí
Era comm”o canario ‘nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera
“Scétate!” – io dico – e nun vò’ stá scetato
e mo, nun canta manco a primmavera!
Chi voglio bene nun mme fa felice:
forse sta ‘ncielo destinato e scritto.
Ma i’ penzo ca nu ditto antico dice:
“Nun se cummanna a ‘o core”. E i’ mme stó’ zitto!
E mme stó’ zitto, sí…te voglio bene
Te voglio bene e tu mme faje murí
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...