La Luna

“Ma io volevo baci larghi come oceani in cui perdermi e affogare…”

mi è sempre piaciuto l’incipit di questa poesia.

Se dovessi riassumere ciò che sono, sarebbe subito con questi versi.

Ma non li ho avuti. E se li ho avuti, sono stati solo l’illusione breve di un momento, come una lieve folata di vento.

Avrei voluto un Amore, con la A. Avrei voluto, forse, dei figli, e una figlia.

Ma ora a 39 anni, e col cuore rotto in mille cocci spezzati che non sanno ricomporsi, non credo che avrò mai più ciò che profondamente ho sempre desiderato.

Tutti vogliono Lunabionda, la donna attraente e disinibita, sensuale e intensa. Ma nessuno l’ha mai veramente saputa amare e tenere con sè, per quello che lei era, per quello che lei è.

Non esistono cieli per Lunabionda, ma solo crepuscoli, e sciocche inutili romanticherie che un giorno lei stessa si stancherà perfino di avere accarezzato perfino nel sogno.

Lunabionda

 

Annunci

10 pensieri su “La Luna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...