Anima assente

“e l’Amore, inzuppato di lacrime di neve,
si riscalda nella sabbia dei ricordi.”

Non ti conosce il toro, non il fico,
né i cavalli né le formiche della casa.
Non ti conosce il bambino né la sera
perché tu sei morto per sempre.

Non ti conosce il dorso della pietra,
né il raso nero dove ti distruggi.
Non ti conosce il tuo ricordo muto
perché tu sei morto per sempre.

Verrà l’autunno con le conchiglie,
uva di nebbia e monti aggruppati,
ma nessuno vorrà guardare i tuoi occhi
perché tu sei morto per sempre.

Perché tu sei morto per sempre,
come qualsiasi morto della Terra,
come qualsiasi morto che si scorda
in un mucchio di cani spenti.

F. Garcìa Lorca

 

Annunci

Elegia

No, non voglio vederlo!

Di’ alla luna che venga,
non voglio vedere il sangue
di Ignazio sulla sabbia.

No, non voglio vederlo!

Una luna spalancata,
cavallo di quiete nubi,
e l’arena grigia del sogno
con salici in prima fila.

No, non voglio vederlo!
Il mio ricordo si brucia.
Avvisate i gelsomini
dalla bianchezza minuta!

Non mi dite di vederlo!
Non voglio sentire il fiotto
farsi ogni volta più debole;
questo fiotto che rischiara
le tribune e si rovescia
sopra il velluto e il cuoio
di quella folla assetata.
Chi mi grida di affacciarmi?
Non mi dite di vederlo!

Non ci fu principe di Siviglia
che comparargli si possa,
né spada come la sua
né cuore così vero.
Come un fiume di leoni
la sua forza meravigliosa,
e come un busto di marmo
la sua armoniosa prudenza.
Aria di Roma andalusa
gli profumava la testa
dove il sorriso era un nardo
di sale e d’intelligenza.

No.
No, non voglio vederlo!
Non c’è calice che lo contenga,
non c’è rondini che se lo bevano,
non c’è brina di luce che lo geli,
né canto né diluvio di gigli,
non c’è cristallo che lo copra d’argento.
No.
Io non voglio vederlo!

F. Garcia Lorca, da Compianto per Ignacio Sanchez Mejinas

Ho visto le stelle cadere giù

Potrei sfuggire questo sentimento
per la mia ragazza cinese
Mi sento un relitto
senza la mia piccola ragazza cinese
Sento il suo cuore battere
forte come un tuono
Ho visto le stelle cadere giù

Sono incasinato
senza la mia piccola ragazza cinese
Mi sveglio al mattino, dov’è la mia piccola ragazza cinese?
Sento il battito del suo cuore forte come un tuono
Ho visto le stelle cadere giù

Mi sento tragico
come se fossi Marlon Brando
Quando guardo la mia ragazza cinese
Potrei fingere che nulla abbia veramente importanza
Quando guardo la mia ragazza cinese

Mia piccola ragazza cinese
non dovresti metterti con me
Rovinerò tutto ciò che sei
Ti darò occhi tristi
Ti darò un uomo che vuole dominare il mondo.

David Bowie

Senza titolo

Gli uomini che ho avuto… alla fine ho voluto pensare che fossero immaginari, frutto della mia fantasia: così non erano mai esistiti. Invece tu eri reale, per la prima volta succedeva anche a me.

Oh, quanto avrei voluto che tu fossi reale!

Cit.

Adieu, de honesta voluptade

 
Con questo post chiudo, almeno temporaneamente, De honesta voluptade.
Un titolo che dice molto di me. Uno spazio che mi ha dato tanto, negli anni; un luogo senza spazio e senza tempo in cui poter essere totalmente e senza filtri me.
Vorrei solo ringraziare tutti coloro che mi hanno letto, commentato, ma soprattutto ascoltato, senza rompersi la scatole delle mie lagne di donna perennemente intensa e tormentata. Un valore, quello dell’ascolto, che non è più “di moda” di questi tempi. Grazie a chi ha voluto esserci…
Scusami, Lunabionda, mio amato alter ego di sempre: non ho più voglia di parlare di nulla. E tantomeno di te.
Un’amica poetessa che amo molto una volta scrisse: “A volte bisogna distruggersi per ritrovarsi”.  Mi piace pensare che avesse ragione lei…
Lunabionda (A.)

Fratture

A mio padre

 

“Tu riesci a capirmi? Col cazzo che ci riesci.

Mamma avrebbe potuto capirmi.

Non hai mai capito niente di mia madre, nè delle sue sofferenze. Non hai mai capito niente di tua figlia.

Quindi ora non venirmi a dire che capisci, perchè tu non capisci veramente un cazzo.”

Juliet

Juliet, when we made love you used to cry
You said ‘I love you like the stars above, I’ll love you till I die’
There’s a place for us you know the movie song
When you gonna realize it was just that the time was wrong, Juliet?

Juliet, quando facevamo l’amore tu eri solita piangere

dicesti ‘Ti amerò come le stelle lassù, ti amerò fino al giorno in cui morirò’

C’è un posto per noi, tu conosci il film,

quando capirai che era solo il tempo che era sbagliato, Juliet?