Croce e delizia

laura25

A letto i miei pensieri sono già rivolti a te, mia amata immortale, ora lieti, ora di nuovi tristi, nell’attesa che il destino esaudisca i nostri desideri… posso vivere soltanto unito strettamente a te, non altrimenti. Sì, ho deciso di errare lontano finché non potrò volare nelle tue braccia e sentirmi perfettamente a casa accanto a te e lasciando che la mia anima, circondata dal tuo essere, entri nel regno degli spiriti.

Il tuo amore ha fatto di me il più felice e nello stesso tempo il più infelice degli uomini; alla mia età avrei bisogno di vivere in modo uniforme senza scosse ma è ciò possibile nella nostra situazione? Quanta nostalgia, quanto rimpianto di te, di te mia vita, mio tutto… ti prego continua ad amarmi, non smentire mai il cuore fedelissimo del tuo amato.

Eternamente tuo
Eternamente mia
Eternamente nostri

L. V. Beethoven, Lettere “all’amata immortale”

Ph: Laura Makabresku

Annunci