Take it! (another piece of my heart)

Fire

Take it!
Take another little piece of my heart now, baby.
Break it!
Break another little bit of my heart now, darling.
Have it!
Have another little piece of my heart now, baby.

Never never never hear me when I cry at night,
And each time I tell myself that I, well, I can’t stand the pain,
But when you hold me in your arms, I’ll sing it once again,

and I’ll say come on, come on, come on, take it!

Take another little piece of my heart now.

Janis Joplin

https://www.youtube.com/watch?v=D8JzwrD5dvk

Annunci

Storie di ordinaria follia

12795435_1137679176266187_2982196035924950143_n

L’amavo, amavo lei e i suoi capricci, il suo viso, la sua voce da puttana innocente. Succedeva sempre così, potevo scappare e riempirmi la vita di sogni ma quando lei non c’era, quando lei smetteva di sfiorarmi, cazzo… quando lei non mi sfiorava più, io sfiorivo.

Charles Bukowski

Amore (part 2)

12642954_573714169443674_1039647158146617451_n

“Sono stata una pazza.”

“Perché?”
“Ho vissuto e sprecato tante notti vicino a te senza conoscerti, senza sapere chi eri, senza capire chi eri.”

“E adesso che lo sai? Non ti faccio più paura, adesso?”

“No. Ti amo…”

“Decisamente, l’amore è cieco!…”

“Che pensi?”

“Sei bella… Non è giusto… perché in cambio io posso solo offrirti questo mio corpo sciupato, e questo viso sfregiato.”

“Ma io non ho mai desiderato un uomo che fosse solo bello…”

“Comunque anche io sono stato pazzo. A tacere…”

“A tacere che cosa?”

“Che ti amavo.”


Cit. “Angélique”

E io lo so, sei tu quello

 12715514_580205108794580_6057041506351757874_n

Dedicata

La notte scorsa ho sognato qualcuno, uno sconosciuto, il mio Uomo.
Soltanto con lui potevo essere sola e aprirmi a lui, tutta sua, farlo entrare dentro di me tutto intero, avvolgerlo con il labirinto della comune beatitudine.
E io lo so, sei tu quello…

da “Il cielo sopra Berlino”

Quello che non c’è

lol2

Ho perso il gusto, non ha sapore
quest’alito di angelo che mi lecca il cuore
ma credo di camminare dritto sull’acqua e
su quello che non c’è

Arriva l’alba o forse no
a volte ciò che sembra alba non è
ma so che so camminare dritto sull’acqua e
su quello che non c’è

Rivuoi la scelta, rivuoi il controllo
rivoglio le mie ali nere, il mio mantello
la chiave della felicità è la disobbedienza in sé
a quello che non c’è

Perciò io maledico il modo in cui sono fatto
il mio modo di morire sano e salvo dove m’attacco
il mio modo vigliacco di restare sperando che ci sia
quello che non c’è

Curo le foglie, saranno forti
se riesco ad ignorare che gli alberi son morti
ma questo è camminare alto sull’acqua e
su quello che non c’è

Ed ecco arriva l’alba, so che è qui per me,
meraviglioso come a volte ciò che sembra non è
Fottendosi da sé, fottendomi da me
Per quello che non c’è

Afterhours