Io preferivo la tua oscurità

11986376_1044035935630512_563267707459727264_n

La luce ha questo di male. Che non viene da te.
Io preferisco la tua oscurità.

Pedro Salinas

Annunci

Liturgia

12027759_533507603464331_6278172996608014401_n

La sua pelle
scolpiva
tutti i suoni della mia voce roca,

le sue mani brucianti
mi cantavano dentro
la liturgia dell’infinito.

 Lunabionda (io)

Oro nero

12036922_1048731135160992_752505075848485142_n

Ti sono morta
dentro
folle baccante
delle tue sbornie
di spirito e spettri

Nessun miracolo
mi ha salvata
dallo scempio
che ha reso il tutto
nulla
occultando il vero

fauci affondate
fino alle ossa
e falci luccicanti a freddare
il dire

di una donna che aveva voglia
di essere tramortita
dall’amore
sfibrata
da tutta quella carne
lasciata ad abbrustolire
sui fuochi
dei tuoi deliri
fatui

Hai inventato
tu le ragioni del mio sentire
mi hai cercata
nei luoghi da non nominare
dove nascono
già recisi tutti i fiori

tutte le notti
premuroso di adagiarmi
su un letto già pronto
per i miei sogni d’oro
nero
per il tuo sogno
morto.

Sylvia Pallaracci

Questione di pelle

1234056_530593797010717_656187656_n

Mio amore,

Ripiegate le labbra

E tornati al colore di prima,

Guardo fuori ed è l’alba.

Mio amore,

Il tuo cuore è un mare calmo

E non basta una sola notte per attraversarlo,

Sono pronta per riaverti ancorato al mio respiro,

Mentre il sole svanisce

E l’ombra disegna il tuo profilo.

Ho visto solo stelle buone sulla tua pelle,

Se tornerai domani saprò darti quelle perse,

E lascerò che tutto sia sospeso

Fino a quando non ci rivedremo.

Cristina Donà

Quando provai a voltarmi

Bastò un attimo di distrazione

per scoprirmi delicatezza nuda

ai piedi del tuo sguardo,

ma quando provai a voltarmi

ormai

c’era solo calore che colava,

vertigine che capovolge il cielo in terra,

e mi piantasti in grembo

l’Assoluto.

Lunabionda (io)

Controvoglia

10434168_330359840445776_2483362868528150952_n

Ciò che ero solito amare non amo più;
mento: lo amo, ma meno;
ecco, ho mentito di nuovo: lo amo, ma con più vergogna, con più tristezza;
finalmente ho detto la verità.
E’ proprio così: amo ma ciò che amerei non amare, ciò che vorrei odiare;
amo tuttavia, ma controvoglia, nella costrizione, nel pianto, nella sofferenza.

Francesco Petrarca