Donna di pezza

A me stessa

Femmena ‘e pezza,

t’hanno scangiato pe’ ‘na bambola,

la notte a letto e il giorno su in soffitta.

T’hanno sfregiato l’anima di burro e la bellezza

con coltellate di disamore,

hanno rotto la tua tenerezza

con carezze roventi di bugia,

ti hanno spezzato come una cristalliera fragile.

T’hanno pigliato pe’ ‘na bambola di carne.

Senza cuore, nè bocca, nè lingua.

Lunabionda (A.)

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...