Due parole

1174883_231609196987508_1347912569_n

Eppure nessuno, quanto lui, mi tormenta il cuore.

William Shakespeare

Annunci

L’anima è un ornamento

99248

Ho la sensazione di aver dato tutta la mia anima a qualcuno che la usa come se fosse un fiore da mettere all’occhiello, una piccola decorazione per gratificare la sua vanità, un ornamento per un giorno d’estate.

Oscar Wilde

I migliori si servono di un coltello

Ogni uomo uccide ciò che ama
e tutti lo sappiamo:
gli uni uccidono con uno sguardo di odio,
gli altri con delle parole carezzevoli,
il vigliacco con un bacio,
l’eroe con una spada.
Gli uni uccidono il loro amore quando sono ancora giovani,
gli altri quando sono già vecchi,
certuni lo strangolano con le mani del desiderio,
certi altri con le mani dell’oro,
i migliori si servono d’un coltello, affinché
i cadaveri più presto si gelino.

Oscar Wilde

Donna di pezza

A me stessa

Femmena ‘e pezza,

t’hanno scangiato pe’ ‘na bambola,

la notte a letto e il giorno su in soffitta.

T’hanno sfregiato l’anima di burro e la bellezza

con coltellate di disamore,

hanno rotto la tua tenerezza

con carezze roventi di bugia,

ti hanno spezzato come una cristalliera fragile.

T’hanno pigliato pe’ ‘na bambola di carne.

Senza cuore, nè bocca, nè lingua.

Lunabionda (A.)

 

 

Desiderio di cose di fuoco

lobanov

Quando ti tengo fra le mie braccia, tutta, tutta,
non poggiata che a me, ti sento più che mai mia preda.
Avvicino la mia faccia alla tua e non so ancora se ti mangerò o ti bacerò.
Mi limito al bacio per magnanimità ma il sentimento della mia magnanimità m’accompagna tanto costante
che il bacio ha per me il sapore di un morso.

Italo Svevo

Aridità

569210

Così scrivevi per me, ma a quanto pare hai preferito le tenebre alla luce.

Perchè l’oscurità ti si addice. Perchè l’aridità è inguaribilmente dentro di te.

Perchè il Fuoco non t’apparterrà MAI.

A.

Solcavo strade aride solo io

all’ombra di alti muri qui intorno a me

scansavo fosse di oscurità

intravedevo fiumi a volontà

ma solo al di là

al di là

e non qua

Tu che mi sorprendi adesso

un bagliore sei e splendi

Tu come un incendio esplodi dentro di me

proprio tu

inaspettata e dolce come non mai

Guardandoti negli occhi
sorpreso io
vedo crollare i muri,
un mare è già qui
e l’ombra trattenuta fuggirà via

adesso tu sei mia
tu sei mia – solo mia – tu sei mia – sempre mia.