Confesso che…

79052
Non ho più voglia di innamorarmi, solo al pensiero di una, che senza un vero motivo,
mi invade e tutto distrugge. E io lì sempre quello che ama di più, e poi tutte le stronzate, il pensarti,
il voler bene, ti voglio… ancora… No!
Non ho voglia di innamorarmi, e di perdermi.
Ho solo voglia di te.
Charles Bukowski
Annunci

Ritratto

 4715513_large
Questo posto puzza di carne troppo cotta, fettine di manzo grondanti disattenzione.
Ho il vomito in canna, ho fumato troppo e non dormo abbastanza da smaltire i sonniferi.
Una settimana fa a quest’ ora ero tra le sue braccia bugiarde, respiravo il suo profumo doloroso, riempivo l’aria della sua stanza e le lenzuola del suo letto con il mio, il mio profumo e il mio respiro saturavano l’ambiente. Quanto avrei voluto che si scordasse come si respira, volevo che il semplice movimento meccanico ed involontario dei polmoni diventasse impossibile senza di me.
Non era mio, non lo è mai stato.
Adesso invece sono qui e sembrano passati anni, il telefono è vicino a me ed è acceso, la grande città che non è la mia vive e si muove e si contorce sotto i miei piedi, sotto le mie mani, plasma le sue tante storie e stasera anche la mia, forse ridicola, forse volutamente assurda ed impossibile.
Non so perché il telefono è acceso, non so cosa spero, non voglio sperare niente, non voglio credere a niente. Vorrei uscire dalla finestra nel gelo della notte con addosso solo questo stupido pigiama a fiori, arrampicarmi sull’ impalcatura che c’è di fronte alla finestra e mettermi a passeggiare incurante sulle teste altrui. Una settimana fa a quest’ora ero sua, sapevo tutto e fingevo di non sapere, mi lasciavo scopare forte per scacciare via i presagi dallo stomaco.
Adesso sono qui con questi fogli, la sveglia che batte troppo forte le sue ragioni, i pensieri a manetta e questo letto troppo morbido che cigola vecchiaia e non ho lacrime, non ho sorrisi, non ho paure né speranze, né dolori.
E mi chiedo quanto durerà.
Tratto dalla pagina Isola mentale